10 luoghi da vedere a Napoli: ecco quali sono
17 Giugno 2019
Visitare Messina: luoghi ed eventi da non perdere
25 Giugno 2019

Cosa vedere a Milano: 10 luoghi da non perdere

Se Roma rappresenta la capitale politica d’Italia, Milano ne rappresenta la capitale economica e innovativa. Milano è una città in cui ogni giorno nascono  nuove start up, vi sono le sedi nazionali delle principali  società finanziarie di tutto il mondo, ma soprattutto Milano durante l’anno è il palcoscenico di eventi di caratura internazionale come: la Fashion week, Milano design week, la borsa internazionale del turismo “Bit“. Milano è una città in cui storico e moderno si incontrano in un connubio unico al mondo. A potrete visitare  monumenti storici come il Duomo e la galleria Vittorio Emanuele II e quartieri moderni e futuristi come Porta Garibaldi- Isola e citylife. Adesso vi indicherò cosa vedere a Milano. Tra monumenti, luoghi e opere da non perdere, per conoscere questa bellissima città del Nord Italia.


Cosa vedere a Milano: 10 luoghi da non perdere

Il Duomo di Milano

Una delle chiese più grandi e più visitate al Mondo

Il duomo di Milano rappresenta il simbolo del capoluogo lombardo e sorge sull’omonima piazza. Fu un progetto ambizioso e voluto soprattutto da Gian Galeazzo Visconti. Si impiegarono più di cinque secoli al fine di realizzare l’opera. Oggi il duomo di Milano rappresenta la terza chiesa cattolica più grande al mondo e il più grande edificio in stile gotico d’Italia. Il duomo di Milano fu realizzato con del marmo di Candoglia e l’interno della chiesa ha una pianta a forma di croce latina.


Galleria Vittorio Emanuele II

Un punto di ritrovo della comunità milanese

E’ una galleria commerciale in stile neorinascimentale costruita nell’ottocento, collega piazza del Duomo a piazza della Scala. Viene considerata come uno dei primi esempi di centri commerciali al mondo . Di particolare interesse sono  le insegne della galleria  che riportano le scritte in color oro e lo sfondo in color nero, come stabilito dal regolamento comunale.


Castello Sforzesco

Museo, pinacoteca e architettura del ‘500

Situato all’interno del parco Sempione di Milano, il castello sforzesco ha rappresentato nel corso degli anni, una delle cittadelle militari più belle d’Europa. Il nome del castello deriva da Francesco Sforza che lo eresse intorno al 1500 sui resti di una precedente fortificazione militare. Oggi il castello Sforzesco è sede di alcuni dei più importanti musei della città come: pinacoteca, museo Egizio e museo d’arte antica.


Via Montenapoleone

La via dello shopping e del lusso milanese

La bellissima ed elegante via Monte Napoleone di Milano, rappresenta la via della moda Milanese e una tra le vie più lussuose d’Europa. Via Monte Napoleone è la più conosciuta delle quattro vie, che formano il quadrilatero della moda Milanese. Passeggiando per la via si noteranno soprattutto i palazzi con le vetrine dei grandi e prestigiosi marchi della moda come: Bulgari, Louis Vuitton, Gucci, Cavalli etc. La via prende il nome dall’istituzione che al tempo di Napoleone gestiva il debito pubblico.


Museo del Novecento

Una grande collezione di opere da ammirare

Situato all’interno del palazzo dell’Arengario, nella centralissima piazza Duomo, il museo del novecento è una esposizione permanente di opere d’arte Italiane del XX secolo. Inaugurato nel 2010 espone circa quattrocento opere.


Quartiere Isola e Porta Garibaldi

Edifici moderni e all’avanguardia

La parte più moderna e futurista della città di Milano, avviato nel 2009  grazie a un progetto di riqualificazione urbana dei quartieri isola-porta Garibaldi. Trova il suo epicentro nella piazza ”Gae Aulenti”, una piazza moderna, circondata da dei grattacieli, tra cui l’Unicredit Tower. All interno dei quartieri si trovano degli edifici moderni come: il bosco verticale, palazzo della regione Lombardia, torre Solaria e tanti altri, collegati l’uno all’altro grazie a un insieme di ponti, viali pedonali e prati.


Il Bosco Verticale

Ecologia e architettura d’elite

Situato ai margini del quartiere Isola, il bosco verticale rappresenta un esempio di rigenerazione urbana. E’ composto da due torri ricoperte da più di duemila essenze arboree, tra piante e alberi. L’idea dell’architetto Stefano Boeri, nacque a seguito  della sua permanenza a Dubai, in cui riscontrò come i grattaceli ricoperti di vetri e minerali, non facessero altro che emanare ulteriore calore nell’aria. Da qui la scelta di un grattacielo ricoperto di verde che potesse essere soprattutto un simbolo di rispetto dell’ambiente e al tempo stesso di innovazione. Nel 2015 il bosco verticale venne nominato come grattacielo più bello e più innovativo del mondo.


Quartiere Citylife

Architettura e design

Raggiungibile con la linea metropolitana lilla, fermata tre torri, il quartiere Citylife rappresenta un esempio di modernità e rigenerazione urbana. Il progetto nacque grazie al trasferimento dell’ area di Milano fiera, dal quartiere Portello a Rho-Pero. Questo trasferimento comportò l’abbandono di un’area di circa 250.000 metri quadri. Al progetto del quartiere Citylife lavorarono grandi architetti internazionali come: Libeskind, Isozaki e Zaha Hadid, i quali realizzarono i tre grandi grattaciel, presenti nella piazza centrale denominata “tre Torri”. Il quartiere oltre alla presenza dei tre grandi grattacieli è circondato soprattutto da un grande parco verde, che la fa una tra le aree pedonali più verdi e più grandi d’Europa. Inoltre nel quartiere Citylife si trovano molteplici edifici moderni e innovativi.


In conclusione, spero di esservi stato d’aiuto in questo articolo, per qualsiasi informazioni lasciatemi un commento o contattatemi al mio profilo Instagram “Triolotravel88”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »